Le 4 cose che non sai sulla tua BUSTA PAGA

Nel periodo delle vacanze nasce il problema per ogni lavoratore di controllare le ferie maturate in busta paga, secondo quanto previsto dal CCNL (contratto collettivo nazionale del lavoro).

Le ferie maturate, normalmente, vengono indicate nella parte bassa o centrale della propria busta paga. Occorre dire che nei mesi di luglio, agosto e settembre viene indicato il pagamento delle ferie maturate e godute; spetterà al lavoratore controllare tutti i dati, esaminando attentamente le proprie buste paga e segnalare eventuali irregolarità.
Vediamo insieme le cose più importanti da sapere in materia di ferie maturate in busta paga.

  • La normativa in materia di ferie
  • L’art.36 comma 3 della Costituzione italiana sancisce il diritto alle ferie retribuite da parte del lavoratore. Tale diritto è, inoltre, previsto anche dal codice civile(art, 2019 comma 2) e dal D.Lgs. n. 66 del 2003 che recita testualmente :”il prestatore di lavoro ha diritto a un periodo annuale di ferie retribuite non inferiore a quattro settimane”. A decidere il numero di giorni di ferie annuali che spettano al singolo lavoratore è il CCNL adottato. Ciascun lavoratore ha diritto, secondo il D.Lgs. n 66, innanzitutto, a un periodo di ferie, che andranno retribuite dal datore di lavoro, di minimo 4 settimane nel corso dell’anno; il lavoratore può usufruire del periodo di ferie come minimo per due settimane continuative, se richiesto dal lavoratore stesso; infine, le due settimane di ferie rimanenti devono essere tassativamente godute entro, e non oltre, i 18 mesi successi alla fine dell’anno lavorativo in cui sono state maturate le ferie stesse.

    A decidere effettivamente il piano ferie è il datore di lavoro tenendo, però, sempre in considerazione le esigenze del lavoratore. Quest’ultimo, inoltre, non può rinunciare alle proprie ferie secondo quanto sancito dalla Costituzione.

  • Le ferie in busta paga vengono calcolati in ore o in giorni?
  • Le ferie possono essere calcolate in entrambi i modi. In generale, per l’impiegato le ferie vengono calcolate in giorni, mentre per l’operaio in ore, salvo diversa indicazione del proprio CCNL.

  • La retribuzione delle ferie
  • Il lavoratore ha diritto alla retribuzione indicata in busta paga. In parole povere, durante i giorni di ferie il lavoratore percepirà il pagamento come se fossero normali giorni lavorativi. Quindi si ricevere tutto il compenso previsto in busta paga, tranne quegli elementi prettamente considerati occasionali.

  • Come comportarsi in caso di ferie non pagate e neppure godute dal lavoratore
  • Ci possono essere dei casi in cui il lavoratore non vede retribuite le proprie ferie in busta paga. In tal caso, il lavoratore dovrà esigere il pagamento dei giorni di ferie da parte del suo datore di lavoro.
    In caso, invece, di ferie non godute il lavoratore ha diritto al risarcimento del danno poichè il diritto alle ferie è sancito e garantito dalla Costituzione.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *