Mattarella tra governo, arbitri e Juve – Milan

”Saluto gli arbitri, miei colleghi: un arbitro può condurre bene la partita se ha un certo aiuto di correttezza dai giocatori”. Così si è espresso il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, incontrando al Quirinale i protagonisti di Juve  – Milan, alla vigilia della finale di Coppa Italia.

“Quando sono stato eletto – ha evidenziato il Capo dello Stato – dopo aver giurato alla Camera mi sono paragonato a un arbitro imparziale, e ho ricevuto un applauso. Poi ho aggiunto che l’arbitro deve essere aiutato dai giocatori: è seguito un altro applauso, con un po’ di sorpresa”.

Un evidente riferimento alla situazione politica degli ultimi giorni e della difficoltà a formare una squadra… di governo.

E ci ha pensato Giovanni Malagò a evidenziare la volontà di portare un po’ di serenità al Quirinale. “Presidente, speriamo di averla almeno distratta per un po’ dai problemi di queste ore e di averla fatta sorridere….”: così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, con un riferimento all’attualità politica, si è rivolto al Capo dello Stato Sergio Mattarella, in occasione della visita di Juventus e Milan al Quirinale, alla vigilia della finale di Coppa Italia, domani sera all’Olimpico.

“Non potrò assistere all’incontro come ho fatto negli altri anni – ha concluso Mattarella -, ma sono certo che sarà una grande partita. Mi auguro un grande incontro, qui vi sono tanti juventini e milanisti. Io ho l’obbligo di guardare con simpatia a tutte le squadre d’Italia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *