La Russia espelle due funzionari dell’Ambasciata italiana

Una Nota verbale con la quale Mosca formalizza la decisione di espellere due funzionari dell’Ambasciata italiana. Si fa sempre più pesante la situazione tra la Russia e il resto dell’Europa.

L’Incaricato d’Affari dell’Ambasciata d’Italia presso la Federazione Russa è stato infatti convocato presso il Ministero degli Affari Esteri russo oggi, venerdì 30 marzo. E in questa occasione, il Direttore del Primo Dipartimento Europeo ha comunicato all’Incaricato il provvedimento.  A renderlo noto è la Farnesina, specificando che ai funzionari espulsi è stata concessa una settimana di tempo per lasciare il territorio della Federazione.

Già nella mattinata si erano rincorse voci e indiscrezioni. La notizia della convocazione dell’ambasciatore italiano, Pasquale Terracciano, al ministero degli Esteri russo era stata riportata dall’agenzia Ria Novosti. In mattinata erano stati convocati anche gli ambasciatori di Londra, Parigi e Berlino.

Questa invece la comunicazione ufficiale del governo russo: “Il ministero degli Esteri ha convocato alcuni responsabili delle missioni diplomatiche dei Paesi che hanno intrapreso dei passi ostili nei confronti della Russia in segno di solidarietà con la Gran Bretagna a causa del cosiddetto ‘caso Skripal’. Agli ambasciatori – conclude la nota – verranno consegnate note di protesta e verranno annunciate le misure di risposta della parte russa”. E i provvedimenti sono arrivati puntuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *